Skip to content Skip to footer
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

BEING HUMAN Fotografie e video installazioni di Bruna Rotunno

Dicembre 16 @ 10:00 am

Being Human
Fotografie e video installazioni di Bruna Rotunno
A cura di Juliana Curvellano

Accademia EFP è lieta di invitarvi il prossimo 25 novembre presso Galleria Epipla a Milano, a partire dalle 10.00, per un percorso esperienziale di visita della mostra di Bruna Rotunno, docente di Scuola IGEA, laureata in psicologia, fotografa e regista italiana che vive e lavora tra Milano e Parigi e l’Asia.

Segnaliamo a tutti gli iscritti alla Scuola IGEA che questo evento sarà riconosciuto come attività integrativa, ai fini dell’ottenimento di crediti extracurricolari, gratuitamente. Vi invito quindi a partecipare numerosi, in presenza, e ad informare la segreteria della vostra partecipazione scrivendo una mail a info@accademiaefp.com.

Perché la mostra fotografica di Bruna Rotunno fa parte del programma didattico di Scuola IGEA? Ce lo spiega Elsa Veniani, a sua volta docente Accademia EFP, in una presentazione che affronta il tema dell'”Essere Umani”.

COSA SIGNIFICA ESSERE UMANI?

Gli Esseri Umani sono gli ultimi arrivati su questo pianeta, come ben ci mostra l’astronomo e divulgatore scientifico Carl Sagan in quello che viene definito come un esperimento mentale che prende il nome di Calendario Cosmico. Sagan immaginò di comprimere i 13,8 miliardi di anni di storia dell’universo in un singolo anno solare. Questo significa che dobbiamo immaginare le 00.00 del 1 gennaio come il momento in cui avviene il big bang, mentre il momento in cui siamo ora come le 24.00 del 31 dicembre. Secondo Sagan i primi ominidi comparirebbero alle ore 14.24 dell’ultimo giorno dell’anno.

Pur essendo dunque gli ultimi arrivati, in così poco tempo ci siamo appropriati del pianeta Terra, causando disastri di proporzioni enormi: deforestazione, inquinamento, falde acquifere prosciugate, scorie nucleari, estinzioni di massa, desertificazione, perdita della biodiversità, alterazioni climatiche, solo per citarne alcuni.

Ma che cosa accadrebbe se tutti gli Esseri Umani fossero deportati contemporaneamente su un altro pianeta? “La verità è che il paesaggio migliorerebbe notevolmente una volta usciti di scena gli esseri umani”, sostiene John Orrock, un biologo della conservazione del National center for ecological analysis and synthesis di Santa Barbara, in California. A darci evidenza di questa affermazione è stata proprio l’esperienza della pandemia: sono bastate poche settimane di lockdown affinchè la Natura si riprendesse i suoi spazi, con animali che hanno invaso i centri urbani, la vegetazione che ha ripreso a crescere tra il cemento e la riduzione di ben un terzo dell’inquinamento atmosferico, stando alle misurazioni attraverso le immagini satellitari condotte dalla Nasa.

Tutto questo non può che mostrarci in maniera evidente l’infinita piccolezza dell’Uomo rispetto alla forza incontrastata della Natura. Piccolezza che viene splendidamente raccontata da Bruna Rotunno, autrice che da sempre esplora la natura dell’essere umano attraverso la fotografia e il video, in un progetto dal titolo “Being Human”, esposto dal 19 ottobre al 21 dicembre 2022 presso la Galleria Epipla, Via Sant’Antonio, 2, Milano.

Il titolo della mostra non può che sollecitare una domanda: cosa significa Esseri Umani? E come si può essere ancora Esseri Umani oggi, in un mondo pervaso dalla disarmonia e dalla separazione, dove a dominare sono efficienza e produttività, a discapito dell’espansione della coscienza, dove l’Uomo si erge a divenire Dio, smarrendo completamente il senso dell’infinito, in un’epoca in cui si è persa la consapevolezza di sé che dovrebbe condurci a vivere con misura, consci dei limiti che non possiamo superare, incapaci di praticare una costante ricerca al sapere, alla saggezza, al bello, al buono e alla grandiosità, nel rispetto del pianeta che ci ospita e del quale, anche se sembriamo essercene dimenticati, noi stessi siamo parte integrante?

È a queste domande che ha l’intento di rispondere l’Accademia EFP attraverso la rinascita della Paideia, simbolo dell’educazione, non solo alla conoscenza, ma alla coscienza, nell’unità dei saperi, per la promozione della salute globale, individuale e collettiva, secondo il Metodo I.G.E.A., in grado di offrire un iter didattico e formativo profondo e interdisciplinare per la formazione di una nuova figura professionale, il Magister Salutis.

Di questo movimento di coscienza, in qualità di Docente ospite della Scuola di formazione in Magister Salutis, non poteva non essere parte proprio Bruna Rotunno, che nella sua mostra “Being Human” offre allo spettatore l’opportunità di sperimentare quell’equilibrio tra Uomo e Natura che dobbiamo assolutamente ritrovare se vogliamo parlare ancora di futuro su questo pianeta. È con questa prospettiva che vi invitiamo ad osservare le opere esposte, con l’intento di sollecitare in ciascuno di voi una riconnessione con la Madre Terra, in modo da recuperare la consapevolezza di cosa significhi ritornare ad essere Esseri Umani.

“Niuna cosa maggiormente dimostra la grandezza e la potenza dell’umano intelletto, né l’altezza e la nobiltà dell’uomo, che il poterlo conoscere e interamente comprendere e fortemente sentire la sua piccolezza. ” Giacomo Leopardi

Tallulah Studio Art nasce nel 1999 su iniziativa di Patrizia Madau, mente creativa, consulente d’arte, design e fotografia. Sempre alla ricerca di giovani talenti emergenti, dedica attenzione alle proposte delle nuove generazioni, promuovendo forma e materia nel design e nell’arte contemporanea, in tutte le sue espressioni. La forza che contraddistingue Tallulah Studio sta nella continua evoluzione estetica e nella capacità di esprimere sempre concretamente i risultati di una ricerca costante. Patrizia Madau si è avvicinata al lavoro di giovani numerosi artisti della recente scena internazionale come Donatella Izzo, Federico Unia, Federica Angelino, Patrick Corrado, Piero Figura, Gianpiero Gasparini, Mauro Vettore, Riccardo Bonfadini, Ian Gamache, Fabio Roncato, Daria Dziecielewska Mc Douglas, Jono Nussbaum, Jordi Suñé Ferrús, Nicola Marenzi, Lorenzo Santy, Dario Zucchi. Dal 1999 Tallulah Studio Art ha presentato numerose mostre d’arte, fotografia e design, collaborando con artisti e designer di fama internazionale come Gerry De Bastiano, Melvin Anderson, Guillermontalbano, Nigel Coates, Pier Lorenzo Salvoni, Gian Paolo Barbieri, Donata Clovis, Edland Man, Dusciana Bravura, Maya Manz, Nicola Falcone, Dario Zucchi, Bruna Rotunno, Piero Figura.

Epipla è dagli anni Novanta il contenitore delle passioni coltivate dall’architetto Annalisa Longa, architetto e antiquario che da allora ricerca, in Italia e all’estero e nei più importanti mercati d’antiquariato, pezzi d’arredo e di arte unici, da inserire nei suoi progetti e all’interno del suo primo Spazio. Dal 2020 Annalisa Longa viene affiancata dalla figlia Giorgia Fossanova, trentenne, architetto di formazione con un master in Management dell’Arte, con ricca esperienza maturata sia in Italia che all’estero collaborando con gallerie d’arte, musei e associazioni di organizzazione di eventi culturali. Nasce così il nuovo spazio espositivo Epipla Basement in via Sant’Antonio 2, all’angolo con Via Larga, nel cuore di Milano. Basement è un nuovo Concept di architettura, design, e arte, dove la passione per il design antico e moderno e l’arte è affiancata all’approfondimento della storia e delle produzioni artistiche del Novecento, in un continuo dialogo.

www.epipla.it

Dettagli

Data:
Dicembre 16
Ora:
10:00 am
Categorie Evento:
,

Luogo

Galleria Epipla
Via Sant’Antonio, 2
Milano, 20122
Visualizza il sito del Luogo